La Legge di conversione n. 25/2022 del “Decreto Sostegni-ter” ha previsto la riammissione dei contribuenti decaduti dalla “Rottamazione-ter”, dalla “Rottamazione delle risorse proprie UE” e dal “Saldo e stralcio” per il mancato o parziale pagamento, entro il 9 dicembre 2021, delle rate originariamente in scadenza negli anni 2020 e 2021, fissando nuovi termini per considerare tempestivo il pagamento di tali rate.

Inoltre, per le rate in scadenza nell’anno 2022, la Legge ha stabilito che il pagamento è considerato tempestivo e non determina l’inefficacia della “Definizione agevolata”, se effettuato integralmente entro il 30 novembre.

Quindi I contribuenti che non hanno corrisposto le rate 2020 e 2021 della “Rottamazione-ter”, del “Saldo e stralcio” e della “Rottamazione delle risorse proprie UE “, sono riammessi ai benefici della “Definizione agevolata” effettuando il pagamento delle somme dovute entro il:

  • 30 aprile 2022 per le rate in scadenza nel 2020 della “Rottamazione-ter”, del “Saldo e stralcio” e della “Rottamazione delle risorse proprie UE”;
  • 31 luglio 2022 per le rate in scadenza nel 2021 della “Rottamazione-ter”, del “Saldo e stralcio” e della “Rottamazione delle risorse proprie UE”.

Inoltre saranno considerati tempestivi anche i pagamenti di tutte le rate della ”Rottamazione-ter”, della “Rottamazione delle risorse proprie UE” e/o del “Saldo e stralcio”, effettuati nei 5 giorni successivi ai nuovi termini stabiliti:

  • 9 maggio 2022 per le rate in scadenza nel 2020 della “Rottamazione-ter”, del “Saldo e stralcio” e della “Rottamazione delle risorse proprie UE”;
  • 8 agosto 2022 per le rate in scadenza nel 2021 della “Rottamazione-ter”, del “Saldo e stralcio” e della “Rottamazione delle risorse proprie UE”;
  • 5 dicembre 2022 per le tutte le rate in scadenza nel 2022 della “Rottamazione-ter” e della “Rottamazione delle risorse proprie UE”

COME EFFETTUARE I PAGAMENTI

Per pagare i bollettini della “Rottamazione-ter”, della “Rottamazione delle risorse proprie UE” e del “Saldo e stralcio”, si può:

  • utilizzare il servizio “Paga on-line” (disponibile sul nostro sito e sull’APP EquiClick);
  • scegliere i canali telematici delle banche, di Poste Italiane e di tutti gli altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti al nodo pagoPA (la lista completa dei PSP aderenti e le informazioni sui canali di pagamento attivati sono reperibili sul sito di pagoPA);
  • prenotare un appuntamento presso lo sportello territoriale più vicino a te con il servizio “Prenota un appuntamento allo sportello territoriale” presente nell’area pubblica del nostro portale. In relazione agli obblighi di garantire idonee misure di sicurezza a tutela della salute pubblica, l’utilizzo dei servizi di sportello può avvenire esclusivamente previo appuntamento, nei giorni dal lunedì al venerdì.

Se si è smarrito i bollettini di pagamento delle rate della “Definizione agevolata”, si possono richiedere una copia dei bollettini compilando il form dedicato sul sito dell’AE, disponibile nell’area pubblica del portale, senza necessità di pin e password personali.

Inoltre, è possibile scaricare direttamente i moduli di pagamento dalla propria “area riservata”, accessibile con SPID, CIE o Carta Nazionale dei Servizi.

Se il pagamento avverrà oltre i termini previsti o per importi parziali, la misura agevolativa non si perfezionerà e i versamenti effettuati saranno considerati a titolo di acconto sulle somme dovute.